5 cose da fare assolutamente a Como

Un favoloso panorama sulle prealpi lariane

0 177

Vuoi sapere 5 cose da fare assolutamente a Como? Ecco l’articolo giusto per te!

Como è sicuramente una delle città più affascinati della Lombardia ed anche di tutto il nord Italia!
A donarle questo fascino sono il Lario che tutti noi conosciamo meglio come Lago di Como, il suo grande centro storico ed il paesaggio che la circorda costituito da montagne da cui è possibile godere di incredibili panorami.
( Se ti va leggi anche il mio articolo 5 facili gite panoramiche sul lago di como )

La storia di Como è antichissima e questo le ha permesso di presentarsi oggi con diversi volti. Da quello di città storica, ancora in buona parte visibile grazie al centro tutt’ora circondato da mura medioevali, a quello di città moderna con un lungo lago sempre in continua evoluzione dove le strade si riempiono di luci e suoni in ogni periodo dell’anno!

Vi consiglio in particolare di visitarla nel periodo natalizio, giorni in cui regala davvero tante emozioni trasformandosi nella Città dei Balocchi tra luminarie da favola, i classici mercatini di Natale, la pista di pattinaggio su ghiaccio, la ruota panoramica e lo storico carosello in Piazza Volta!
Clicca qui per vedere le foto di Como durante le feste di Natale!

Ma vediamo ora quali sono 5 cose da fare assolutamente a Como:
Il tramonto dal The Life Electric
Passeggiata per le vie del centro storico
Funicolare per Brunate
Giro in battello
Tempio voltiano e lungolago

Il tramonto dal The Life Electric

Presentato pubblicamente il 2 ottobre 2015 è oggi uno dei simboli della città di Como che è riuscita finalmente a valorizzare una delle passeggiate più suggestive, ossia quella che tramite la diga foranea ci porta proprio nel bel mezzo del Lago per godere di un’atmosfera dal carattere estremamente romantico.
Il Life Electric è raggiungibile tramite i giardini del Tempio Voltiano ed è posizionato alla fine della diga foranea che ci porta nel bel mezzo del lago da dove è possibile godere di un panorama a 360° che spazia dalla vista di Villa Erba a Cernobbio sino alla cupola del Duomo che spicca imponente sopra i tetti delle case.

Da qui, alzando lo sguardo, è facile scorgere Brunate (paese noto soprattutto per la presenza di numerose ville in stile eclettico e liberty) che si trova alla fine della storica funicolare. Per quanto riguarda Brunate vi invito a leggere l’articolo dal titolo Brunate, il miglior panorama di Como

Oltre a Brunate basterà fare un giro intorno al Life Electric per vedere anche il Tempio Voltiano, il monumento dei Caduti e la fontana di Villa Geno (villa costruita nel 1790 poi riedificata nel 1850 in nuove eleganti linee neoclassiche), tutti simboli della città affacciati proprio sulle sponde del lago.

Consiglio di visitare questo monumento al tramonto, quando i colori del crepuscolo si riflettono nelle placide acque del lago regalando uno degli spettacoli più belli e romantici di Como!
Qui sotto un video girato nel periodo natalizio proprio ai piedi del Life Electric

Passeggiata per le vie del centro storico

Immancabile è ovviamente anche la passeggiata nel centro storico di Como ancora circondato da mura medioevali e con la pavimentazione degli stretti vicoli costituita da antichi ciottoli. Punto di partenza ideale per questa romantica passeggiata è la bellissima piazza del Duomo, il luogo forse più frequentato ed affollato della città dove troviamo inoltre una serie di portici in cui ribolle la vita grazie alla presenza di bar, ristoranti e negozi di vario genere.
In questa zona che è totalmente pedonale troviamo anche il Palazzo del Broletto ed alle sue spalle il Teatro sociale. Passeggiare senza una meta ed in maniera spensierata per i vicoli del centro ci porta alla scoperta di un’atmosfera ormai perduta, ma anche di molti ristoranti che ci invitano a trascorrere qui la serata per godere poi dello spettacolo dato dalle tante luci riflesse nel lago.

Proseguiamo quindi in direzione di Piazza Alessandro Volta e successivamente in direzione della vicinissima e più grande Piazza Cavour che offre un ampio sguardo sul lungo lago!
A pochi passi da Piazza Cavour, in direzione del lago, troviamo invece il già nomitato Tempio Voltiano che custodisce alcuni cimeli dello scienziato Alessandro Volta, illustre comasco ed inventore della pila elettrica. Tra le curiosità che riguardano questo tempio c’è sicuramente il fatto che in passato fu impresso nelle indimenticate banconote da 10.000 Lire.

Funicolare per Brunate

Poco lontano dal centro ed all’inizio di Viale Geno è presente la famosissima e storica funicolare di Como. La funicolare, che ha oltre 100 anni, porta i turisti dalle rive del lago al balcone delle Alpi”, ossia Brunate! Brunate è un piccolo centro abitato affacciato sul lago e da dove parte un’interessante passeggiata che ci porta fino al non lontano Faro Voltiano (circa 40 minuti a piedi) che ogni notte brilla dall’alto della montagna. Inaugurata nell’ormai lontano 1894 la funicolare è oggi una delle attrazioni turistiche più ricercate e conosciute che offre a turisti e non l’opportunità di una Gita fuori porta senza mai realmente abbandonare la città.
La funicolare ha le sua stazione di partenza/arrivo in piazza A. De Gasperi a Como e in piazza A. Bonacossa a Brunate; lungo il tragitto vi sono due fermate a richiesta: una a Como Alta e una a Carescione (frazione di Brunate). Durante la sua salita supera un dislivello di 493 metri con una pendenza media del 46% e una punta massima del 55,10%.
Il territorio è in prevalenza ricoperto da boschi e le specie più presenti di alberi sono aceri, frassini, pini, betulle, robinie, querce, castagni e faggi che in pochi minuti ci fanno dimenticare il traffico della città!

Funicolare Como-Brunate #funicolare #como #funicolarecomo #brunate #funicolarebrunate #roby

Una foto pubblicata da Roby Fabris ☀🌴🇮🇹 (@roby_fabris) in data:

Giro in battello

Come si può visitare Como senza fare almeno un giro su uno dei suoi storici battelli? Impossibile!
I battelli a Como sono un mezzo pubblico molto sfruttato, sia da chi va a lavorare che da chi più in generale desidera superare certe distanze evitando spostamenti in auto o altri mezzi di terra. Da Como è possibile raggiungere zone molto lontane e navigare fino al punto in cui i rami di Como e di Lecco si incontrano, in prossimità della penisola su cui è presente la famosa Bellagio, poi via, ancora oltre, fino all’imbarcadero di Colico da cui si ha invece accesso alla Valtellina.
Il giro in battello può regalarti una delle esperienze più rilassanti e panoramiche sul lago di Como e lungo le sue sponde potremo vedere le molte ville storiche che hanno fatto di questo lago un vero e proprio simbolo dell’Italia nel mondo. Tra le ville più famose mi sento di citare Villa Olmo a Como, Villa Erba e Cernobbio e la Villa del Balbianello a Lenno. Ma oltre alle ville potremo godere anche della vista delle montagne che fanno da cornice al lago, ricche di vegetazione e piccoli paesini sparsi sulle proprie pendici.
Proprio sul lungo lago di Como sono visibili alcuni dei battelli più grandi e storici, oggi veri e propri monumenti galleggianti della città, tra cui per esempio il Patria ed il Milano.

Tempio voltiano e lungolago

Tra le passeggiate più romantiche c’è quella del lungo lago, che dal centro storico ci porta fino al monumento dei Caduti ed allo stadio Sinigaglia.
Se però vogliamo fare un passeggiata completa sul lungo lago di Como vi consiglio di partire dalla funicolare per proseguire poi in direzione dei giardini del parco Voltiano.
Passeremo quindi di fronte ai tanti battelli che affollano il porto, per poi inoltrarci sin dentro i giardini dove troveremo diverse curiosità tra cui il Monumento alla Resistenza. Questo monumento è costituito da 3 piccole scalinate convergenti fra loro che ricordano le impervie scalinate percorse con sempre maggior tormento dai deportati nei campi di sterminio nazisti. Un monumento unico nel suo genere, che trasmette il proprio significato proprio attraverso l’esperienza diretta del salire e discendere questi gradini di diversa lunghezza ed inclinazione.
Dai giardini è possibile accedere alla diga foranea per arrivare fino al monumento “The Life Electric”, oppure, superando la diga possiamo passeggiare fino ad un altro dei più famosi simboli di Como, il Tempio Voltiano adibito a museo scientifico. Come sua specifica funzione propone la conservazione e la valorizzazione dei cimeli voltiani, non solo dei pochi frammenti fortunosamente strappati alle fiamme dell’Esposizione voltiana del 1899, ma anche di tutti quei “memorabilia” che in un modo o nell’altro possono essere collegati all’eminente fisico e alla sua vicenda comasca.

Superato anche il Tempio Voltiano arriviamo al monumento dei Caduti, un’altra di quelle costruzioni sempre visibile anche dal lago. Il monumento è ispirato da uno schizzo a matite colorate ed acquarello dipinto nel 1914 dal futurista Antonio Sant’Elia ed è alto ben 30 metri!

Proprio in prossimità del monumento troviamo lo stadio della squadra del Como che nel corso della sua storia ha ospitato tutti i grandi club del calcio italiano! La sua costruzione rappresentò uno dei primi esempi di architettura razionalista in Italia ed è intitolato al campione di canottaggio Giuseppe Sinigaglia caduto nella prima guerra mondiale.

Qui sotto la mappa con indicati tutti i luoghi citati:

Seguici sulla nostra pagina facebook “Idee per una Gita”

Potrebbe piacerti anche Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

tre × 5 =