2 giorni tra Cervinia & Valtournenche con la neve!

0 425

Regione: Valle D’Aosta – Valtournenche
Località di partenza: Valtournenche
Durata della Gita: 2 giorni

Seguici sulla pagina facebook IDEE PER UNA GITA

Programma consigliato:
Valtournenche è una località posta in posizione strategica che favorisce la visita a diverse interessantissime mete! Noi vi elenchiamo quelle che abbiamo scelto per la nostra Gita, citando comunque anche quelle che abbiamo dovuto trascurare ma che rimangono nel cassetto per le prossime occasioni.
Le mete qui sotto hanno assorbito tutto il nostro tempo di 2 giorni ed 1 notte in Valtournenche:
– Cheneil
– Grotte di Gouffre des Busserailles Ravine

– Lago Blu
– Centro di Cervinia
– Plan Maison (con ciaspolata sul Cervino)
– Plateau Rosa

Le mete qui sotto invece sono quelle che citiamo per conclamato interesse ma di cui non abbiamo avuto esperienza diretta:
– Chamois
– La Magdeleine

Come arrivarci
Raggiungere  Valtournenche è davvero facile! Ci troviamo in Valle D’Aosta, a circa 2,30 ore da Milano, 1 ora da Aosta e 1,30 ore da Torino. Seguiamo l’autostrada A4/E64 e E25 fino a Chatillon, prendiamo poi l’uscita Saint-Vincent-Châtillon da E25.
Poco dopo l’uscita ci ritroveremo di fronte ad un enorme rotonda con il monumento raffigurante il Monte Cervino, qui proseguiamo sulla destra seguendo le indicazioni per Chamois, Valtournenche, Breuil-Cervinia. La strada passa attraverso diversi piccoli paesi dalle tipiche case di montagna ed in circa 30 minuti ci porta fino al comune di Valtournenche. Il capoluogo (Pâquier) si trova in una conca nella parte alta della vallata. L’abitato è distribuito su un pendio ripido ed ha un notevole dislivello altimetrico, che aumenta ancora di più se si contano le frazioni staccate dal paese; si va dai 1.330 metri s.l.m. di Moulin ai 1.700 di Loz, ed ai 1.860 circa di Les Perrères, e il villaggio di Breuil-Cervinia, posto ai piedi del monte Cervino (4.478 m), ad un’altitudine compresa tra i 2.005 e i 2.200 metri. Il dislivello totale è di 870 metri. Il territorio comunale raggiunge la massima elevazione con la vetta del Cervino (4.478 m).

L’ascensore di Cheneil
Oltre ai diversi caratteristici abitati posti nel cuore della valle consigliamo assolutamente una visita di Cheneil! Luogo di particolare bellezza naturalistica, di larici e latifoglie è una delle poche frazioni valdostane non raggiungibili in auto. La strada per raggiungere Cheneil è semplice, in località Paquier è presente una strada che in poco più di 8 km ci porta fino all’ascensore che, inaugurato ad agosto 2016, ci permette di raggiungere il paese evitando la camminata che storicamente si era constretti a fare.
Cheneil sorge a 2105 m s.l.m. sulla sinistra orografica della Valtournenche, su un piccolo pianoro che si trova ai piedi di una vallata dominata dal Grand e Petit Tournalin, dal Monte Roisetta, dalla Becca Trecare e dalla Becca d’Aran. Percorrendo la strada sopra citata arriveremo fino al parcheggio sotto all’ascensore, nel periodo di novembre a noi è successo di dover guidare sulla neve ghiacciata non certo comoda e sicura, anche se circa 2 ore dopo per fortuna è passato lo spazzaneve a render sicura la nostra discesa.
L’ascensore è moderno e gratuito ed in circa 3 minuti ci porta fino a Cheneil evitando così iniziali camminate e ciaspolate. Dai suoi 2105 metri di altezza è possibile godere di un paesaggio paradisiaco, con lo sguardo che si spinge facilmente sino al Cervino posto proprio di fronte all’arrivo dell’ascensore stessa! Il paesaggio innevato di novembre ci è parso già identico a quello che in altri luoghi possiamo godere soltanto nei mesi successivi, ed il silenzio di questo luogo ci ha trasportati con grande semplicità con la mente e le emozioni lontano dai ritmi frenetici del quotidiano.
Messe le ciaspole ai piedi ci siamo avvicinati al piccolissimo centro abitato per visitarlo camminando tra le sue case così caratteristiche. Dal paese è possibile godere contemporaneamente di buona parte della Valtournenche come di tutta l’altissima catena montuosa alle proprie spalle dove sembra essere evidente la presenza di molti sentieri escursionistici.
Al centro della valle abbiamo incontrato dei cavalli che si godevano uno splendido sole capace di rendere ancor più bianco un luogo che abbiamo scoperto completamente avvolto da un manto di pura neve!
Da Cheneil sarebbe possibile poi proseguire per diverse escursioni, noi però, dopo aver respirato un pò di aria pulita ed aver scattato le nostre fotografie di rito decidiamo di riprendere l’ascensore che ci riporta al parcheggio.
Clicca qui per visualizzare le foto della nostra Ciaspolata a Cheneil

Grotte di Gouffre des Busserailles Ravine
Il Gouffres de Busserailles, un orrido, visitabile, lungo 104 m e profondo 35 metri scavato nella montagna dalla forza delle acque del Marmore. Visitabile al costo di 2 euro si accede alla grotta previo biglietto acquistato tramite il ristorante adiacente. La visita è molto veloce, in circa 5 minuti si raggiunge la fine del percorso ed occorre quindi soffermarsi in questo ambiente per godere di tutto il suo fascino. Nel periodo in cui ci siamo stati il freddo era piuttosto pungente, consigliamo inoltre di portare qualcosa di impermeabile per coprirsi in quanto l’acqua che scorre pochi metri sotto i nostri piedi inumidisce le rocce sin oltre la passerella facendo cadere diverse gocce anche dall’alto. La forza dell’acqua è impressionante ed al quanto inquietante come l’altezza delle rudi rocce modellate nel corso dei secoli dall’acqua che si aprono diversi metri sopra lasciandoci intravedere il cielo.

Visualizza il nostro video della Gita! L’articolo prosegue poi con il Lago Blu! 😀

Lago blu
Il Lago Blu è sicuramente una delle attrazioni turistiche più conosciute di Cervinia! Si trova in prossimità di un hotel proprio alle porte del centro abitato, circa 300 metri prima della galleria.
Raggiungere le sue sponde è davvero questione di pochi metri a piedi, ed un giro intorno a questo piccolissimo lago vi regalerà delle emozioni davvero fantastiche! Nella bella stagione nelle sue acque si specchia il Cervino con tutta la sua imponenza e bellezza, mentre nel periodo invernale gela acquisendo un fascino tutto particolare tipico dell’alta montagna. Circondato da un bosco di larici è un piccolo angolo di paradiso a meno di 3 minuti d’auto dal centro di Cervinia. Durante l’inverno il momento migliore per visitarlo è la mattina quando è completamente illuminato dal sole, mentre la sera il lago rimane in ombra ed offre una bellissima vista sulla cima del Cervino… l’ultima sulla quale si poggia la luce del sole prima del tramonto.

Plan Maison (breve ciaspolata sul Cervino)
Per raggiungere Plan Maison occorre prendere l’ovovia che parte da Cervinia e che ci porta agli impianti a quota 2.561 metri. Nel periodo in cui questa zona è avvolta dalla neve questa diventa una meta molto ambita da tutti gli sciatori che amano le belle piste ed i paesaggi mozzafiato!
Noi abbiamo optato però per una breve ciaspolata che è possibile fare seguendo il sentiero battuto che risale le pendici del Cervino parallelamente alla seggiovia ed alle piste da sci.
Da qui possiamo scegliere se ciaspolare fino all’arrivo della seggiovia oppure raggiungere il rifugio a metà strada prima di tornare indietro, noi abbiamo scelto la seconda opzione approfittando di una meravigliosa giornata di sole per scattare qualche fotografia a poche decine di metri dalla vetta del Cervino! Agli impianti durante la stagione sciistica sono presenti tantissime persone che riempiono i ristoranti e i bar creando un’ atmosfera di divertimento che non fatica a coinvolgervi.
Dopo una breve ciaspolata sotto il sole caldo decidiamo di rientrare agli impianti per prendere la seconda seggiovia che ci porterà prima alla fermata “Cime bianche” e successivamente nel punto più panoramico del Plateau Rosa!
Clicca qui per visualizzare le foto della nostra Gita a Cervinia e sul Plateau Rosa!

Funivia del Plateau Rosa 3480 metri
Una volta arrivati a Plan Maison basterà prendere l’ovovia per Cime Bianche per avvicinarsi al Plateau Rosa, un ghiacciaio che si trova nel Vallese svizzero sulle Alpi Pennine appena oltre il confine italo-svizzero. Ai bordi del Plateau sorgono vari rifugi alpini ed altre strutture ricettive, ma il punto di forza di questo luogo è il panorama davvero incredibile. Grazie ai binocoli gratuiti presenti all’uscita della funivia è possibile dare un nome alle molteplici cime che ci circondano, e proprio da qui è possibile ammirare da vicino i grandi quattromila, dal Cervino al Monte Bianco, dal Gran Paradiso al Monte Rosa a tutte le cime svizzere del Vallese sino al lontano Monviso, una cima molto conosciuta per aver ispirato il logo della Paramount Pictures!
Poco distante dagli impianti si trova inoltre il museo più alto d’Europa “Una Montagna di Lavoro” dedicato appunto a tutti gli uomini che hanno lavorato alla costruzione di questa che è una delle funivie più alte del mondo.

Centro di Cervinia
Immancabile è un giro per il centro di Cervinia con tutti i suoi hotel, negozi, ristoranti e locali pronti ad accogliere migliaia di turisti. Dopo una bella passeggiata nella zona pedonale al cospetto di una catena montuosa spettacolare decidiamo di entrare in un locale per riscaldarci godendoci un tipico caffè alla valdostana sorseggiato nell’ancor più tipica coppa dell’amicizia!
La coppa dell’amicizia è in legno, con diversi beccucci da cui le persone possono bere a turno un pò di buon caffè miscelato con grappa e genepy. Appiccando il fuoco al liquido e rimestando con un cucchiaio si completa il rito del caffè alla vasdostana che nelle giornate più fredde è sempre pronto a darvi una scaldata!
Da vedere è poi anche la statua dedicata a Mike Bongiorno posta proprio all’inizio dell’area pedonale e diventato un autentico simbolo di Cervinia.

Clicca qui per visualizzare le foto della nostra Gita a Cervinia e sul Plateau Rosa!

Seguici sulla pagina facebook IDEE PER UNA GITA

Roby & Vero

mappa-cervinia

Potrebbe piacerti anche Altri di autore

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

8 + quattro =